Didattica

Offerta formativa

Piano Triennale Dell'Offerta Formativa

Il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) è il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa e organizzativa che le singole scuole adottano nell’ambito della loro autonomia. Il piano è coerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi e indirizzi di studi e riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale, tenendo conto della programmazione territoriale dell’offerta formativa.

Per sostenere e facilitare il lavoro delle scuole nell’elaborazione del PTOF, all’interno del portale SIDI è stata messa a disposizione una struttura di riferimento, rimettendo alle singole istituzioni scolastiche la decisione se utilizzarla o meno.

Il PTOF è consultabile anche su Scuola in chiaro.

Ampliamento Offerta Formativa
Brigi TG Teen

Il BrigiTgTeen nasce dall’idea di creare una redazione giornalistica a scuola, in cui i protagonisti siano gli studenti. Il progetto ha la finalità di: favorire la comunicazione non soltanto per la trasmissione di messaggi o di contenuti, ma per la costruzione di valori e di finalità educative condivise; di orientare, sostenere e indirizzare la comunicazione all’interno della scuola e tra scuola e famiglia, al fine di migliorare l’efficacia comunicativa e di rafforzare, tramite essa, il senso di appartenenza alla comunità scolastica; unificare interessi e attività, promuovere la creatività; favorire una partecipazione attiva alla vita della scuola. Il BrigiTgTeen è uno strumento efficace per la comunicazione con una pluralità di linguaggi, all’interno della scuola e nel sistema scuola-famiglia-territorio. Sotto la guida degli insegnanti gli alunni scelgono le tematiche da affrontare nei servizi giornalistici e le modalità di impostazione degli stessi, curando sia linguaggio e scrittura che la parte video con riprese e montaggio.

Ciak…si impara – Il cinema che emoziona (Secondaria I Grado)

Il progetto ” Ciak…si impara” è stato ideato con l’intento di formare giovani spettatori consapevoli e appassionati al mondo della cultura cinematografica al fine di creare un legame attivo tra la Scuola e il cinema. Il progetto prevede le seguenti attività: • Attività di formazionefinalizzate a favorire la capacità di lettura critica del linguaggio cinematografico e o il potenziamento delle competenze nei linguaggi audiovisivi. • Attività didattica e/o laboratoriale che si avvale del racconto filmico/audiovisivo per affrontare in modo critico la lettura e la conoscenza del territorio. • Attivita laboratoriali legate ad almeno una fase del processo produttivo di un film/audivisivo. • Attività didattica che utilizza l’audiovisivo per approfondire studi in materie specifiche. Il progetto si articola in tre moduli, nei quali il cinema è protagonista anche come stimolo alla riflessione su tre obiettivi dell’Agenda 2030: Modulo 1: Fantasia (cinema e ambiente). Modulo 2: Luci della città (cinema e territorio). Modulo 3: Professione: reportere (cinema e diritti umani). Ogni modulo comprenderà la visione di opere in sala cinematografica e presso la “Sala Brigida”, scelte sulla base delle tematiche degli obiettivi n. 11, n.14 e n. 16 dell’Agenda 2030

Più libri più lib(e)ri

A. Adesione ad iniziative locali e nazionali di promozione della lettura/scrittura (#ioleggoperchè; Libriamoci; Il Maggio dei Libri; Scrittori di classe; Classe di lettori) B. Contatto diretto con gli autori, attraverso incontri a carattere prevalentemente laboratoriale.

Il parlamentino della Brigida

Il progetto prevede una prima fase in cui saranno eletti i rappresentanti (Sindaci e vice Sindaci) di ogni classe, seguiti dalla costituzione di partiti e successive elezioni. Nella seconda fase saranno costituiti le strutture portanti che daranno vita alla vita Parlamentare (Camere, Ministeri e Commissioni). Nella terza fase inizieranno i lavori veri e propri degli organismi costituiti.

Certificazioni Ket Cambridge (Secondaria e primaria)(Inglese) – DELF A2 (Francese)(Secondaria)

Con questo progetto si intende dare risposta alla sempre più crescente domanda, da parte delle famiglie, di potenziare lo studio delle lingue straniere. Si ritiene, inoltre, necessario far iniziare agli allievi un percorso ufficiale di certificazione delle competenze linguistiche, che essi continueranno nel corso dei loro studi. Ci si propone, altresì, di accrescere la motivazione all’apprendimento della lingua inglese, come mezzo di comunicazione e comprensione tra culture diverse, anche attraverso un’esperienza d’esame con un insegnante madrelingu.

Progetto ERASMUS+ – Nature can live without human but human cannot live after no nature (verticale)

Progetto triannale di mobilità internazionale Emasmus+ finanziato dalla Comunità Europea e incentrato sulle tematiche ambientali: “Nature can live without human but human cannot live after nature”. Questo il titolo completo del progetto che si rivolge ad alunni dai tre ai dodici anni e che intende promuovere sin dall’infanzia comportamenti consapevoli per la salvaguardiadell’ambiente, con approfondimenti su inquinamento, raccolta differenziata e cambienmenti climatici, avvalendosi delle nuove tecnologie per un approccio innovativo incentrato sul digital story telling, video based learning e gamificatio.

Avviamento alla pratica sportiva

L’avviamento alla pratica sportiva rappresenta un completamento delle attività curricolari e consente a tutti gli studenti che lo desiderino, indipendentemente dalle loro capacità, di poter praticare un’efficace attività motoria. Il progetto risponde in piano alle motivazioni dei giovani che desiderano, sempre più, praticare attività sportiva.

A scuola di Opencoesione

“A Scuola di OpenCoesione” (ASOC) è il progetto di didattica innovativa finalizzato a promuovere nelle scuole italiane, attraverso attività di ricerca e monitoraggio civico dei finanziamenti pubblici soprattutto europei, ma anche nazionali, principi di cittadinanza attiva e consapevole. Il progetto permette di sviluppare competenze digitali, statistiche e di educazione civica, affinché le studentesse e gli studenti diventino cittadini consapevoli e attivi nella partecipazione alla vita pubblica del proprio territorio. Le scuole partecipano come “team” (un’intera classe, un gruppo ridotto all’interno di una classe oppure un gruppo misto formato da studenti di classi diverse) e lavorano in gruppo all’elaborazione di 4 report di lezione, che rispecchiano le fasi più importanti della ricerca di monitoraggio civico da realizzare su un progetto finanziato dalle politiche di coesione. A Scuola di OpenCoesione è anche un concorso. Le ricerche di monitoraggio civico vengono valutate da una Commissione nominata ad hoc in base a criteri specifici. I team che realizzano le migliori ricerche hanno l’opportunità di ricevere premi esperienziali.

English helplinke desk (Progetto di recuperi di lingua inglese)

Obiettivo principale di un’Istituzione scolastica che abbia come fulcro educativo l’inclusività, è quello di porre attenzione ai risultati di tutti gli allievi. L’idea scaturisce dalla necessità di aiutare gli alunni a superare le tante difficoltà incontrate durante il periodo di lockdown e dalla conseguente perdita, da parte di tanti ragazzi, di contenuti ed opportunità di formazione ed inclusione. Considerato che il periodo di criticità dovuto alla diffusione del COVID- 19 non è terminato , si è pensato ad istituire uno sportello di aiuto per l’inglese dove i ragazzi si possono prenotare e far presente le loro difficoltà alla docente che si attiverà per dare una risposta ai loro bisogni.

Arte aumentata AALAB

Grazie al nuovo corso pomeridiano di Arte Aumentata l’Istituto Comprensivo Brigida dal 2021 ha un indirizzo preciso per iniziare a coltivare, attraverso metodologie didattiche innovative, lo sviluppo concreto della passione per l’arte, della creatività in ogni forma e dell’intelligenza emotiva. Arte Aumentata non è dunque un evento o una serie dì eventi proposti “una tantum” a tutti i discenti, ma un corso strutturato con un programma preciso, “a scelta” e previsto dal Ptof. Il corso prevede un “coro” di voci attraverso incontri con artisti, ma soprattutto l’uso del laboratorio come traduzione concreta dell’espressione “arte come esperienza” sviluppata da John Dewey. ll progetto si propone di aprire le menti e i cuori dei ragazzi a ogni tipo di forma d’arte uscendo dagli schemi e dalle comuni categorie storiche (pittura, scultura, architettura) sperimentando tecniche difficilmente proponibili in aula.

Matematica potenziata

Percorsi multidisciplinari (matematica per lo studio dell’arte, tecnica, metrica, musica) svolti in modo davvero innovativo nei contenuti e nei metodi. L’uso di computer e dispositivi personali consentirà di lavorare a 360 gradi in una sfera che esce dai contenuti senza abbandonarli completamente, ma che li usa per costruire nuova conoscenza.Attraverso una didattica per competenze, vengono organizzati laboratori durante i quali la matematica diventa una macchina di risoluzione di problemi non solo matematici, ma anche riguardanti il vissuto dei discenti.

Robotica e coding con MBOT

Il Comprensivo di nuova istituzione si approccia ad operazioni interne di continuità verticale per favorire lo scambio di buone pratiche all’interno del curricolo di matematica e di altre discipline collegate al linguaggio computazionale.La disponibilità di 22 mBOT può costituire un punto di forza per realizzare attività ed azioni sia attraverso i PON FSE e sia attraverso specifici progetti extracurricolari.La robotica educativa rappresenta un ulteriore passo,insieme al coding,per permettere allo studente di affinare le sue intuizioni e sperimentare nuove situazioni stimolanti.Un ulteriore passo per continuare nell’innovazione della didattica.L’uso di kit robotici permette di creare le condizioni per realizzare attività di laboratorio sperimentale in cui gli aspetti di invenzione(l’apporto personale)e riproduzione(la ricostruzione del sapere accumulato)siano nel giusto equilibrio.

A scuola da chi fa sport

Dall’anno scolastico 2020/2021 nella Scuola Secondaria di I° grado è attivo un corso a classi aperte parallele ad indirizzo sportivo; l’intento è quello di far sperimentare agli alunni, durante tutto il triennio, sport diversi. Il progetto si pone in continuità verticale con l’indirizzo sportivo del Liceo Scientifico, già presente in ambito comunale. Il percorso propone, con una didattica laboratoriale coinvolgente e attiva, diverse tematiche trasversali con forte interconnessione con il Curricolo d’Istituto. Gli alunni frequenteranno 3 moduli sportivi da 14 ore ciascuno (7 lezioni da 2 ore), e le discipline coinvolte saranno scherma, tiro con l’arco e triathlon. I corsi saranno tenuti da tecnici federali e coadiuvati dai docenti titolari di Scienze motorie dell’Istituto.

Sulle vie della parità

Il progetto si propone di stimolare la creatività e l’immaginazione dei/delle giovani sulle tematiche di parità per indurre a una riflessione sulla necessità del rispetto dell’altra/o, indipendentemente dal sesso, dall’etnia, dalle capacità personali e dalla provenienza socioculturale e geografica. In tal modo si intende dare spazio a una cultura che, nella consapevolezza del contributo di ogni persona al vivere sociale, sia aperta alla rivalutazione del femminile contribuendo a prevenire la violenza di genere. Il percorso prevede varie attività: – creazione di cartelloni, slogan e disegni – Scrittura di poesie e testi narrativi – Realizzazione di prodotti digitali – manifestazione degli alunni nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

“Oltre il blu” – Polo autismo

Il progetto Oltre il blu nasce dall’esigenza di costituire un polo scolastico di riferimento nell’ambito dei Disturbi dello Spettro Autistico. L’Istituto Comprensivo Brigida si propone quale scuola di riferimento, dalla quale intessere una rete di collabor-azioni con gli enti, le strutture, le organizzazioni, le associazioni già presenti sul territorio, al fine di condividere competenze, idee ed iniziative volte a creare contesti inclusivi per alunni con autismo e a favorire un miglioramento della loro “Qualità di Vita” all’interno della scuola, in famiglia ed in contesti extrascolastici ed extrafamiliari. Presso il plesso della Secondaria di 1^ grado, vi è uno spazio strutturato (spazio blu), ovvero un ambiente organizzato e pensato per rispondere in modo specifico ai bisogni educativi speciali degli alunni con autismo e, al contempo, per favorirne l’inclusione all’interno del gruppo dei pari.

Educazione finanziaria nelle scuole – Global Money Week

Il progetto nasce dalla collaborazione tra la Banca d’Italia e il Ministero dell’Istruzione e mira ad accrescere la cultura finanziaria delle giovani generazioni. Le materie trattate sono: reddito e pianificazione, moneta e prezzi, pagamenti e acquisti, risparmio e investimento, credito. I/le docenti potranno integrare questi temi negli insegnamenti delle diverse discipline, tra cui anche l’educazione civica. Nell’ambito del progetto rientra anche la “Global Money Week”, un’iniziativa internazionale organizzata dall’OCSE e dedicata ai giovani a partiredall’età prescolare. La Banca d’Italia partecipa a questa iniziativa dal 2015 con giochi educativi e incontri per ragazzi e ragazze, finalizzati a far riflettere sull’importanza di imparare a gestire consapevolmente il proprio denaro.

La Brigida va in acqua con il CIP!

Il progetto è rivolto agli alunni Dva e ne prevede la partecipazione a corsi di nuoto presso la piscina comunale. Le attività saranno svolte in modo inclusivo durante l’orario curricolare, nell’ambito della programmazione scolastica, in compresenza insegnante tecnico. E’ previsto inoltre per la giornata dell’inclusione un incontro con due testimonial regionali finalizzato allA promozione ai valori della cultura paralimpica.

Bamp Cinema
 

Il progetto è orientato alla promozione della didattica del linguaggio cinematografico con l’acquisizione di strumenti e metodi di analisi che favoriranno la conoscenza della grammatica delle immagini utilizzando l’opera cinematografica quale strumento educativo trasversale. Due i temi alla base del percorso: “Cinema e diritti umani”e “Cinema e Società”. Attraverso una “rassegna cinematografica”, costituita da opere audiovisive di qualità, selezionate sulla base delle due tematiche e finalità specifiche, ci si rivolgerà al mondo della scuola partendo dal coinvolgimento attivo degli studenti.

Progetto istruzione domiciliare “Home School”
Il progetto nasce per supportare e garantire il diritto all’istruzione per alunni che, affetti da gravi patologie invalidanti, sono impossibilitati a frequentare regolarmente le lezioni.
Orchestra Primaria

Il Progetto “Orchestra Primaria…in crescendo” ha l’obiettivo di avvicinare concretamente gli studenti alla pratica strumentale di insieme. Corsi di Strumento Musicale: FLAUTO TRAVERSO, VIOLINO rivolto agli alunni delle classi quarte e TROMBRA, TROMBONE E SAX pensati per gli alunni delle classi prime e seconde della scuola secondaria. La pratica del SUONARE INSIEME sviluppa la capacità di aggregazione sociale. Attraverso il rispetto e la stima di sé e dell’altro promuove la convivenza civile e la tolleranza tra le persone. Mantenere l’autocontrollo nelle esecuzioni collettive aiuta, inoltre, a sviluppare la capacità di ascoltare simultaneamente se stessi e gli altri. Infine, il saper stare in orchestra concorre allo sviluppo di una serie di aspetti quali l’autonomia, la responsabilità, l’espressione e la comunicazione, che insieme contribuiscono alla maturazione della persona

Uguali nella diversità

Il progetto accoglie la necessità di integrare gli alunni DSA e con bisogni educativi speciali al resto della classe attraverso la creatività e l’arte. L’alunno DVA, accompagnato dall’insegnante di sostegno e da un piccolo gruppo di compagni di classe (di volta in volta diversi) sarà coinvolto in esercizi di comunicazione ed espressione de sè attraverso il “medium”artistico. Emergeranno le diversità che caratterizzano ogni essere umano.

E’ diverso se ascolto – Registrazione di audiolibri per l’inclusione

Nel processo di inclusione degli alunni con disturbi specifici dell’apprendimento e/o con disabilità visiva, risulta sicuramente effic Il progetto nasce con l’intento di promuovere una didattica di tipo inclusivo, nonché una cultura accessibile agli alunni con difficoltà specifiche, tramite la formazione di insegnanti in grado di utilizzare le nuove tecnologie per realizzare strumenti di studio pratici e facilmente fruibili. In tal modo, ci si propone di offrire una risposta concreta ai bisogni degli allievi impossibilitati a leggere e a studiare in forma autonoma, secondo quanto disposto dalle ordinanze ministeriali relativamente ai sussidi compensativi e dispensativi, utili ad agevolare il percorso scolastico dei suddetti alunni. ace l’utilizzo del libro digitale.

Scuola attiva Kids Sport

Il progetto dedicato alla scuola primaria, volto a promuovere l’apprendimento delle capacità e degli schemi motori di base, l’orientamento allo sport per i bambini più grandi e la cultura del benessere e del movimento per tutti.

Scuola attiva Junior

Il progetto “Scuola Attiva Junior”ha come finalità la promozione di percorsi di orientamento sportivo. Il progetto, incentrato su due discipline sportive, prevede le seguenti attività: – “Settimane di sport” Un tecnico federale collabora con l’Insegnante di Educazione Fisica, affiancandolo nelle ore curriculari, facendo orientamento sportivo con i ragazzi e condividendo con gli insegnanti competenze e know-how specifici per la relativa disciplina. – “Pomeriggi sportivi” Attività dedicate alle classi aderenti al progetto attraverso un pomeriggio di sport a settimana da svolgere nella palestra della scuola o all’aperto. I Pomeriggi sportivi sono tenuti da tecnici federali specializzati. – Campagna ”AttiviAMOci” Verrà realizzata da parte di Sport e salute, in accordo con il Ministero dell’istruzione, una campagna con relativo contest in coerenza con le attività del Progetto che prevede contenuti specifici dedicati alla fascia di età sul tema dell’educazione alimentare e del movimento.

I super poteri delle piante

Percorso di orto didattico proposto è un progetto dinamico, flessibile e aperto che include una serie di laboratori pratici incentrati sull’educazione ambientale,sulla stagionalità della messa a dimora di bulbi, regrow e alcune piante odorose, sull’educazione alimentare e sul gusto incollegamento con gli obiettivi previsti dalla progettazione di classe; tali laboratori partendo dall’esperienza dell’orto guideranno i bambini a scoprire il cibo, le stagioni, l’alimentazione e il rapporto tra terra e cibo.

Coloro la mia scuola

Il progetto si articola in diverse fasi: La scelta del tema e dell’opera da realizzare Preparazione del fondo bianco sul muro Ripartizione del lavoro fra gli alunni Preparazione dei bozzetti Studi di colore e forme Trasferimento dei soggetti sul muro Colorazione delle forme e rifinitura dei particolari Il progetto “COLORO LA MIA SCUOLA” ha come scopo prioritario il miglioramento della qualità del processo di insegnamento-apprendimento ai fini di una serena e proficua integrazione di tutti gli allievi nel contesto scolastico. Le attività previste riguarderanno lo sviluppo delle forme di comunicazione in particolare di quelle artistiche.

Un pò diversi, un pò uguali, ma tutti speciali

Il progetto è rivolto a tutti gli alunni della scuola dell’infanzia. Il progetto verrà sviluppato da novembre a maggio, per un’ora a settimana, in orario di compresenza e a potenziamento delle attività extracurricolari. 15 ore. Saranno coinvolte le docenti: sez.1 Di Capua Maria Antonietta; sez. 2 Di Mauro Eleonora; sez. 3 Romaniello antonella, Di Vito Lucia, Colitti Sara. Docente referente: Colitti Sara . -creare una scuola inclusiva; -promuovere un’azione educativa e didattica rivolta ai bisogni di ogni alunno; -sperimentare la diversità scoprendosi nella propria unicità.

Play and learning

Il progetto di L2 è destinato ai bambini di 5 anni per un’ora a settimana. L’obiettivo sarà quello: – di favorire la curiosità verso una nuova lingua -acquisire atteggiamenti di apertura verso culture diverse – sviluppare competenze di comunicazione e interazione.

I libri sono ali che aiutano a volare

Favorire il piacere dell’ascolto; arricchire le conoscenze linguistiche del bambino; sperimentare, attraverso l’uso della voce, il riconoscimento dei personaggi, degli stati d’animo e delle emozioni; educare al rispetto dell’oggetto libro; stimolare la creatività attraverso la lettura; drammatizzare il racconto ascoltato e rielaborarlo graficamente.

Laboratorio di informatica: in punta di mouse

Il progetto si svolgerà da gennaio a maggio, per un totale di 25 ore. Saranno coinvolte le seguenti insegnanti: sez. 1 Di Capua Maria Antonietta; sez. 2 Di Mauro Eleonora; sez. 3 Di Vito Lucia, Romaniello Antonella, Colitti Sara. La referente del progetto è Romaniello Antonella. Il progetto coinvolgerà anche un esperto esterno (animatore digitale).

Piano annuale delle attività

Inclusione

Per rispondere in modo adeguato ai bisogni educativi speciali degli allievi con disabilità (con certificazione L. 104/92), DSA, di nazionalità straniera e/o in situazione di svantaggio socio-culturale frequentanti l’Istituto, non basta integrare le diversità.

Non si tratta, cioè, di creare condizioni di normalizzazione; occorre, invece, fare spazio alla ricchezza della differenza, mettendola al centro dell’azione educativa e trasformandola, così, in risorsa per l’intera comunità scolastica.

Per fare ciò, occorrono percorsi realmente inclusivi, buone prassi e competenze diffuse, in continua formazione.

Così come si evince dal PTOF, il nostro Istituto, avvalendosi di un’intensa e articolata progettualità, mira a trasformare il proprio tessuto educativo, attraverso la promozione di:

1. Culture inclusive (costruendo una comunità sicura e accogliente, cooperativa e stimolante, valorizzando ciascun individuo ed affermando valori inclusivi condivisi e trasmessi a tutti: personale della scuola, famiglie, alunni);

2. Politiche inclusive (creando una scuola in cui tutti i nuovi docenti e alunni sono accolti, aiutati ad ambientarsi e valorizzati; ponendo attenzione a manifestazioni di disagio ed attuando interventi mirati, affinché gli alunni possano entrare in relazione positiva con la diversità in genere);

3. Pratiche inclusive (coordinando l’apprendimento e progettando le attività in modo da rispondere alle diversità dei singoli alunni; pianificando e gestendo in modo attento la compresenza, personalizzando i percorsi di apprendimento, ponendo un’attenzione particolare ai ritmi di ognuno).

L’intento generale è dunque quello di attivare concrete pratiche educative, che tengano conto delle più aggiornate teorie psico-pedagogiche e delle recenti indicazioni legislative regionali, nazionali e comunitarie, riguardanti l’inclusione.

Skip to content