L’Istituto Comprensivo Brigida e la Notte Europea dei Ricercatori in Italia

L’Istituto Comprensivo Brigida e la Notte Europea dei Ricercatori in Italia

Grande l’ entusiasmo degli studenti  della classe 3^ O dell’Istituto Comprensivo Brigida di Termoli, che sono stati ammessi a partecipare insieme ad altri  2000 studenti delle diverse  scuole italiane  aderenti, alla Notte europea dei ricercatori in Italia.

L’iniziativa,  promossa fin dal 2005 dalla Commissione Europea, si e’ svolta  rigorosamente on line venerdi’ 27 novembre come da programma dalle ore 8.30 alle ore 10.00, per festeggiare i venti anni di presenza umana a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). L’evento e’ stato un’occasione anche per ripercorrere le tappe dei successi italiani e europei di 50 anni di conquiste spaziali. Sono state illustrate le principali missioni, le scoperte e l’importanza del contributo dell’Italia e dell’Europa alle imprese spaziali con particolare attenzione al contributo italiano e europeo alla stazione spaziale internazionale.

I ragazzi sono stati, cosi’, trasportati in un viaggio virtuale a bordo della stazione spaziale internazionale e poi a relazionarsi con i ricercatori dell’ASI, attraverso l’ App Kahoot, – piattaforma di apprendimento basata sul gioco didattico – , per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca, in un contesto informale e stimolante.

 La classe 3^O ha portato cosi’ a conclusione un percorso iniziato a ottobre con la partecipazione al Concorso Nazionale di Scrittura Creativa Conad  2020/2021, nato proprio in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA),  che ha proposto  un  tema estremamente attuale e affascinante: LO SPAZIO.

Scrittori di classe – Storie spaziali, oltre al concorso letterario, ha permesso non solo di coinvolgere gli studenti su temi inusuali quali lo spazio e la vita degli astronauti, ma ha offerto agli insegnanti percorsi didattici appassionanti, curiosi, stimolanti ed educativi, che ha permesso loro di lavorare trasversalmente su molti degli obiettivi indicati nell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile. Tutti i percorsi, oltre ad essere particolarmente accattivanti per il taglio didattico inusuale, sono stati garantiti dalla cultura scientifica dell’ Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali (ANISN).

Particolare soddisfazione e’ stata espressa anche dalle insegnanti coinvolte nell’iniziativa, la prof.ssa di Scienze Matematiche De Silvio Daniela  e la prof.ssa di Lettere Zarlenga Marianna,  le quali hanno evidenziato  l’altissimo livello di collaborazione tra il  mondo della ricerca e  quello  della comunicazione in un momento in cui questo connubio è strategico e si rivela  fondamentale  per gli indirizzi della scuola attuale.

Chiudi il menu